Nel 1827 venne realizzato un primo ponte in legno, a pedaggio, composto da sei archi di 192 metri di lunghezza, realizzato dall’architetto Mallet, su iniziativa dei promotori del quartiere Beaugrenelle.
Nonostante numerosi restauri e la ricostruzione di quattro arcate effettuate tra il 1849 e il 1873, la struttura collassò durante una festa in onore dello Scià di Persia.
L' incidente portò alla sostituzione, nel 1874, della struttura con un ponte a sei archi.
Sull'allée des Cygnes che separa il ponte in due parti simmetriche di tre arcate, si trova uno spiazzale che ospita una miniatura della statua della Libertà, che domina il porto di New York.

In occasione della sua inaugurazione l'archtetto Auguste Bartholdi si lamenṭ del fatto che la statua, orientata verso l’est, dava le spalle all’America.
Fu nel 1937, in occasione dell’esposizione universale, che la volontà dell’artista venne soddisfatta e l'orientamento della statua fu modificato.
Fin dagli inizi del secolo il ponte si rivela inadatto al grande traffico di cui è oggetto e la struttura risulta mostṛ una forte corrosione.
Per questi motivi, si decise di ricostruirlo tra il 1966 e il 1968: la nuova struttura comportava arcate metalliche di 85 metri che attraversavano da una parte all’altra la Senna.