Fino al 1441, i ponti costruiti in questo luogo furono chiamati grand pont, in opposizione al petit pont.
Fu in questa data che il re Louis VII, ordinò che tutti i cambia-valute di Parigi vi si stabilissero e ribattezzò il ponte con la sua denominazione attuale pont au change.
Nel 1618, vi si trovano stabiliti ancora numerosi cambia-valute e orefici con i loro negozi.
Il 24 ottobre 1621, un incendio lo distrusse totalmente.
I cambia-valute chiesero al re il permesso di ricostruire il ponte a loro spese e di potervi edificare delle abitazioni. Il permesso che fu accordato dal re nel maggio del 1639.

Il ponte realizzato tra il 1639 e il 1647, comportava sette archi in muratura.
A metà del XIX secolo, le necessità legate alla ristrutturazione urbanistica haussmaniana portarono alla ricostruzione del ponte che non corrispondeva agli allineamenti voluti.
Il nuovo ponte, quello che conosciamo attualmente, fu intrapreso nel 1858 e fu aperto alla circolazione il 15 agosto 1860.