Fondato da Henri Cernuschi (1821-1898), il museo offre ai visitatori una scelta di opere eccezionali della Cina antica dalle origini al XII secolo.
La sua varietà di bronzi arcaici e di statuette funerarie (III secolo A.C.) sono celebri a livello internazionale.
Tutto comincia da un lungo viaggio.
Henri Cernuschi, di origine italiana, era un grande economista che aveva già avuto qualche problema con la giustizia.
Dal settembre 1871 al gennaio 1873, accompagnato dal suo amico Theodore Duret, parte per un lungo viaggio attraverso l'Asia e percorre il Giappone, poi la Cina, la Mongolia, l'Indonesia e infine l'India per poi rientrare in Francia.

Esposizioni temporanee sono regolarmente organizzate, incentrate su vari temi, che si rifanno soprattutto alle arti dell'estremo Oriente (Cina, Giappone e Corea).
Il Museo Cernuschi, inaugurato nel 1898, è uno dei più antichi musei della città di Parigi.
Secondo museo di arte asiatica in Francia e quinto museo d'arte cinese in Europa, gode di uno statuto internazionale che pochi musei parigini possiedono.
Situato in un edificio originale e affascinante, concepito dal suo fondatore, a pochi passi dal parco Monceau, il museo propone ai visitatori una passeggiata estetica di alta qualità attraverso l'arte cinese dalle origini al XIV secolo.
La collezione possiede alcuni capolavori di livello mondiale.
L'opera più importante del museo non è cinese ma giapponese: l'immenso Buddha Amida di Meguro (Tokyo). All'ingresso, il cortile presenta un giardino in stile giapponese che si sposa perfettamente con lo stile puramente parigino delle belle dimore del quartiere.

Informazioni pratiche

Indirizzo:
7 avenue Vélasquez
75008 Paris


Accesso:
Villiers

Per informazioni:
http://amis-musee-cernuschi.org/